La moda al tempo del Coronavirus

Fino a venti giorni fa si guardava con sgomento a Wuhan e alla Cina lottare coraggiosamente per sconfiggere l’epidemia di Covid-19, mettendo una intera regione in totale isolamento, ed ora, con la veloce crudeltà del tempo che scandisce le nostre vite, ci troviamo noi italiani nella stessa, drammatica, situazione.
Anche noi dobbiamo assolutamente restare in casa,
aspettando pazientemente che si possa tornare alla nostra amata normalità. Non sarà certo un breve periodo e, appunto per questo, ho pensato alla nostra immagine tra le mura domestiche.
Innanzitutto esiste una grande differenza tra come possa essere il nostro abbigliamento alla sera quando rientriamo a casa dal lavoro o alla domenica quando ci rilassiamo in casa davanti a un bel film confrontato a intere settimane di doveroso e rigoroso isolamento, completamente e solamente chiuse nelle nostre abitazioni.
In questo caso cambia tutto.
Il rischio d’imbruttimento e di dimenticare noi stesse è alto.  Non dobbiamo assolutamente soccombere alla pigrizia, alla noia, alla mancanza di socialità.
Se prima ci impegnavamo sulla costruzione della nostra immagine per uscire di casa, ora dobbiamo usare lo stesso impegno per stare in casa. Naturalmente cambiando, anzi rivoluzionando, la nostra mise.
Abolite nel modo più assoluto le classiche tute, anche le più carine sono sempre piuttosto tristi e non danno nessuno spazio alla fantasia. Cerchiamo invece nel nostro armadio.
Anzi, dato che siamo chiuse in casa, avremo il tempo di fare un bel repulisti del nostro guardaroba. In questa occasione sono sicura che salteranno fuori delle cose interessanti che faranno al caso nostro. Per esempio, cerchiamo tutti i pullover grandi e lunghi che, anche negli anni passati, abbiamo portato. Fatta questa cernita iniziamo a provarli con un normalissimo e comodo leggings nero.  L’effetto giusto deve essere quello di un miniabito di maglia piuttosto largo con sotto un leggings stretto e rigorosamente nero.  Come colori è molto bello e rassicurante il tutto nero ma qualsiasi colore va bene perché sono le proporzioni a creare l’armonia di questo insieme, non tanto i colori. Abolite anche qualsiasi tipo di pantofole che distruggerebbe ogni idea di gioiosa eleganza. In casa, d’estate è bello e salutare camminare a piedi nudi, nelle altre stagioni bastano delle spiritose e colorate calzine di lana. Così, evocando l’abbigliamento delle ballerine quando fanno una pausa tra una lezione di danza e l’altra, ci sentiremo più leggere ed eteree anche noi.
Un’altra idea per essere carine e curate anche in casa è il pantalone palazzo di jersey, con elastico in vita. Se non lo trovaste in fondo al vostro armadio potreste dare spazio alla vostra manualità, piccola o grande che sia non ha importanza, e crearlo voi. Sacrificate un vecchio pantalone a palazzo, tagliate il cinturino in vita, lo rigirate in un bordino piccolo, vi infilate un elastico e lo ricucite. Poi cercate un top piccolo e un cardigan lungo e morbido ed ecco che sarete comode, calde ma sempre eleganti.
In estate è tutto più semplice; basta un abito lungo fino a terra di cotone leggero, da portare a piedi nudi, smalto bordeaux solo sui piedi e mai sulle mani, coda di cavallo alta contro il caldo per chi ha i capelli lunghi, orecchini grandi e null’altro. Con questa immagine, rivisitazione dello Street Style hippy degli anni’70, saremo forti e uniche, come solo noi donne sappiamo essere, anche tra le mura di casa.
In questo modo ci guarderemo allo specchio con un po’ più di buonumore e non ci sentiremo così isolate e lontane dalla nostra solita vita.

Carla Massara Atelier - Via Castel Morrone n.9 - Milano.

Devi effettuare il login per inviare commenti

"Perché invecchiare diventi davvero una fortuna."